Archivi del mese: ottobre 2014

Abiti moda ONGala: non solo abiti da sposo uomo

Il marchio Ottavio Nuccio Gala non è famoso solamente per la produzione e la commercializzazione di abiti da sposo uomo, ma lo è anche per i suoi abiti moda apprezzati oramai in tutto il mondo come outfit perfetti per eventi di gala, cerimonie di lusso o cocktail parties.

 


Stiamo parlando di quegli abiti dal taglio più giovanile che assecondano il gusto delle nuove generazioni e che possono essere indossati senza sentire il peso di un abito esageratamente classico che non li fa sentire a loro agio.
Un marchio di abbigliamento, indipendentemente da ciò che si prefigge di produrre e vendere, deve sempre essere attento alle richieste implicite dei clienti per poter andare avanti e diventare un’icona in quel campo.

 

Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, ogni anno propone degli abiti che anticipano le tendenze dei più grandi marchi di abbigliamento Made in Italy semplicemente tenendosi informato su ciò che l’uomo moderno richiede.

 

 
Nel 2014 si può viaggiare tranquillamente in tutto il mondo anche solo avendo uno smartphone in mano, ed è proprio così che il nostro designer è in grado di accontentare con ogni collezione il gusto di tutti quegli uomini che non rinunciano al buon gusto, all’eleganza e alla propria personalità.
Un attento studio giornaliero di ciò che il web propone da tutto il mondo, l’esperienza pregressa di 40 anni di lavoro in questo campo, l’ispirazione che proviene da una terra così ricca di cultura e fascino come il Sud Italia sono le componenti che Mario Moreno Moyano inserisce nelle sue creazioni.
Degli abiti da sposo uomo si è discusso in maniera dettagliata in tutti i post precedenti, analizzando ogni modello, collezione, tessuto e tipo di cerimonia. Oggi parleremo degli abiti moda: giacche moda, abiti di velluto, tartan, patchwork ecc.
La differenza tra la categoria degli abiti da cerimonia e quella degli abiti moda non sta nella qualità e nell’eleganza, ma solo nell’essere adeguato per un determinato tipo di evento o meno. Spesso purtroppo la locuzione “abito moda” è associata ad un abito dal taglio molto slim, con tessuti di bassa qualità e rifiniture poco curate ma che accontenta il gusto della nuova vestibilità così slim che il pubblico richiede.
Gli abiti moda Ottavio Nuccio Gala sono realizzati con tessuti di alta qualità esattamente come gli abiti da cerimonia, rispettano sempre i canoni di eleganza che l’etichetta impone ma hanno quel tocco trendy e cool in più che permette loro di essere indossati da una clientela giovane dal gusto ricercato.
Le dinner jacket, siano esse in velluto o in misto lana, hanno una vestibilità più slim sul punto vita che stilizza la figura e si adatta alla corporatura di ogni uomo; i pantaloni hanno la gamba più stretta e il cavallo più alto che viene incontro alla nuova vestibilità slim che spopola in tutto il mondo.

 

 

 

 

 

 

 

 

Questi abiti sono unici nel loro stile, e a volte sono capi unici in tutto e per tutto, che soddisfano le esigenze degli uomini con personalità forte e gusto deciso. In questo periodo andiamo incontro al freddo invernale, al periodo natalizio, e quale scelta migliore se non un abito in velluto con revers in raso nero o un abito Tartan Royal Stewart or Black Watch?

 

abiti da sposo uomoabiti da sposo uomo

 

 

 

 

 

 

 

Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, ha creato degli abiti in velluto di vari colori che possono essere indossati in qualsiasi evento di lusso che richieda un dress code formale, e che vi farà risaltare sul resto degli invitati. I dettagli sono curati fino quasi alla perfezione: basta notare le fodere fantasia delle giacche in pura seta o la possibilità di scegliere tra revers in raso sciallato o revers in raso a lancia.

 

abiti da sposo uomoabiti da sposo uomo

 

 

 

 

 

 

 

Qualora il velluto non dovesse essere di vostro gradimento, potrete scegliere tra i preziosi tartan: Black Watch o Royal Stewart. In uno dei post precedenti abbiamo analizzato la storia di questi due tessuti, elecandone i pregi e la qualità: questo è il momento di elogiare la loro adeguatezza per feste di lusso o eventi di gala. Un uomo che veste in tartan ha un portamento unico, è estremamente elegante ma con i nuovi modelli slim non rinuncia al tocco fashion che lo fa risaltare su tutti.

 

 

 

 

 

 

 

 

Altri abiti moda delle Collezioni Ottavio Nuccio Gala sono quelli patchwork: giacche in pura seta, capi unici in tutto il mondo con la possibilità di essere personalizzati dal nome del cliente che le acquista. Sono giacche preziose che possono essere abbinate anche a un jeans per completare questo look apparentemente spartano ma qualitativamente molto alto.

 

abiti da sposo uomoabiti da sposo uomo

 

 

 

 

 

 

 

Visitando il sito www.ottavionuccio.com potrete vedere tutte le proposte per eventi mondani di lusso che Mario Moreno Moyano, anima creativa del marchio, propone:
– La collezione Black Tie è quella che più si adatta ad eventi di questo genere: abiti, tuxedo e dinner jacket in velluto, tartan, doppiopetto, giacche e pantaloni di diverso colore ecc.
– Nella collezione Fashion si possono trovare abiti moda colorati adatti ad eventi mondani però solo se si tengono di giorno e le giacche Patchwork di cui abbiamo parlato precedentemente;
– Nella collezione Emotion ci sono i doppiopetto gessati adatti, per esempio, ad eventi aziendali, giacche in velluto stropicciato per il periodo natalizio, abiti con applicazioni metalliche, ricami ecc.
Ottavio Nuccio Gala non deve essere visto solo come un marchio che produce abiti da sposo uomo, ma è anche un marchio che veste l’uomo in qualsiasi occasione importante, e che viene incontro al gusto di tutti: dal più classico al più moderno, dal monocolore al patchwork.

 

Proporzioni e lunghezze giuste per l’abito da cerimonia uomo

L’eleganza è un codice non scritto che molti gentleman in tutto il mondo e in tutte le epoche hanno sempre rispettato e cercato di diffondere. L’ abito da cerimonia uomo è l’esempio predominante in questo ambito, dove non c’è spazio per l’errore: quel giorno si deve essere perfetti. Lo sposo perfetto è colui che veste un abito adatto alla propria corporatura, rispettando i suoi gusti personali, le regole di etichetta, e che ha prestato attenzione ad ogni dettaglio, anche nella cura del corpo.

884

Questo post è dedicato alle giuste proporzioni e lunghezze che un abito uomo formale dovrebbe sempre avere, che sia o meno dedicato al proprio matrimonio. Ai più attenti sarà già capitato di sentirne parlare, per altri invece sarà un nuovo argomento sul quale riflettere e convenire verso una scelta che prediliga il senso estetico, e non ciò che è trendy. é un argomento sul quale si è dibattuto anche in tempi recentissimi con le Fashion Week Maschili, luoghi in cui si presentano le nuove tendenze.

Da circa un anno la moda impone all’uomo abiti di circa due taglie in meno rispetto alla propria; facendo un giro per i saloni della moda, persino quelli dedicati alla cerimonia, si possono addirittura vedere giacche talmente corte che arrivano quasi al punto vita. Oramai la giacca moda ha la stessa lunghezza della sua manica: uno scempio per i canoni di eleganza. Ovviamente, se più corta è la giacca più corta sarà anche la camicia, creando una sproporzione non solo a livello di abito ma anche di corporatura, “accorciando” troppo il busto fino a farvi sembrare uomini dalle gambe troppo lunghe.

Se la giacca è troppo stretta un ulteriore difetto è dato al momento dell’abbottonatura, in quanto tendrà a rialzarsi sul pettorale e non cadrà mai liscia come in realtà dovrebbe essere, creando un effetto alquanto spiacevole alla vista.

Altro capo di abbigliamento ormai del tutto rivisitato in chiave trendy è il pantalone: orli o doppi risvolti che arrivano a scoprire il malleolo, spesso accompagnati da scarpe non adatte ad un pantalone così corto. Questo modo di indossare il pantalone è ispirato ai classici pantaloni alla Capri degli anni 50, senza tener conto che quel modello è stato costruito appositamente per avere una lunghezza che arrivi a metà polpaccio, con le giuste proporzioni, ed è certo che non sia stato ideato per un abito da cerimonia uomo.

Abiti da cerimonia uomo

Per quanto riguarda l’orlo del pantalone non c’è una misura standard che va rispettata: i gentleman di età più avanzata sono d’accordo sul fatto che l’orlo del pantalone deve toccare il tacco della scarpa, creando un paio di pieghe per consentire fluidità ai movimenti. I gentleman moderni preferiscono che l’orlo del pantalone tocchi il collo del piede sul davanti, con un mezzo centimetro in più nella parte retrostante per dare armonia al look generale.

Il risvolto negli abiti da cerimonia (tight, smoking, frac, redingote ecc) è proibito: l’orlo deve necessariamente essere liscio. Per ciò che concerne l’abbigliamento informale, un risvolto è concesso, ma che non superi i 4 o 5 cm, e soprattutto che sia solo un risvolto (e non un pantalone che nasce lungo ma che con 3 o 4 risvolti arriva ad essere alla Capri) e che non arrivi a scoprire la caviglia.

Le proporzioni sono state stravolte anche per quanto riguarda la larghezza della gamba: sempre più spesso infatti la moda femminile del pantalone modello Skinny si sta diffondendo nell’abbigliamento maschile, proponendo capi di abbigliamento troppo aderenti che non permettono al pantalone di cadere bene sulla scarpa, che non permettono agilità nei movimenti e che non hanno un bell’effetto visivo.

Le caratteristiche dell’abbigliamento maschile sinora elencate, oltre che essere degli omicidi verso l’etichetta e i canoni del ben vestire, sono stati ideati solo per uomini estremamente magri. Un uomo normopeso ha i polpacci e i pettorali che poco si adattano ad una giacca stretta e ad un pantalone Skinny, figuriamoci un uomo in leggero sovrappeso oppure obeso; un uomo basso non può indossare un pantalone con i risvolti perchè accorcerebbe ancora di più la figura; un uomo alto con una giacca corta sembrerebbe un pagliaccio da circo.

 

 

Bisognerebbe sempre ricordare che eleganza è equilibrio, e l’equilibrio è dato da un look proporzionato e adatto al proprio tipo di corporatura. L’attenzione ai dettagli è importante, e non bisogna mai lasciarsi guidare da ciò che i marchi di tendenza propongono, perchè quei capi sono ideati per essere appetibili alla vista e venduti in quantità industriali, e non per vestire al meglio ogni singolo uomo con le sue particolarità.

Mario Moreno MoyanoMario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, propone 5 collezioni diverse, una per ogni stile e personalità, ma tutte e 5 rispettano i canoni di equilibrio, proporzione ed eleganza che ogni uomo dovrebbe quantomeno conoscere. Visitando il nostro sito www.ottavionuccio.com potrete trovare abiti estremamente classici ed abiti più moderni, ma in nessun caso rischiereste di sembrare troppo agè.

Ogni abito è stato studiato nei minimi dettagli per venire incontro alle esigenze di modernità degli sposi più giovani, senza trasgredire le regole di etichetta imposte dal buon costume. In più, nel momento in cui verrete a trovarci in uno dei nostri punti vendita o presso un rivenditore autorizzato, il personale di vendita sarà competente e vi saprà consigliare al meglio.

 

 

Ogni sposo Ottavio Nuccio Gala è guidato nella scelta del suo abito da cerimonia uomo ed è consigliato in base alle regole di eleganza che potrebbe non conoscere. Siamo un team di esperti del settore che non vi guiderà solo nella scelta del giusto colore o tessuto, ma che nel frattempo saprà darvi importanti consigli per apparire perfetti nel giorno più importante della vostra vita, e che vi rimarranno anche in futuro come una buona cultura generale sull’abbigliamento maschile formale.

Abiti da cerimonia uomo

Ultimo dettaglio, ma non meno importante: Ottavio Nuccio Gala è 100% Made in Italy. La moda italiana è famosa in tutto il mondo perchè fa apparire ogni uomo disinvolto nel vestire, come se non facesse nessuno sforzo ed apparisse sempre elegante. Una tradizione della quale esserne fieri.

Abiti da cerimonia uomo

 

Teschi: dai pirati del 700 all’ abito sposo moderno

L’ abito sposo moderno può prendere ispirazione da diversi campi e diverse epoche; oggi tratteremo l’origine del teschio, ampiamente presente nella collezione Emotion di Ottavio Nuccio Gala, ideata dalla nostra anima creativa Mario Moreno Moyano.

 

abito sposo

 

Quando si pensa al teschio la prima immagine che viene in mente è quella della classica bandiera dei pirati con fondo nero, due ossa incrociate e un teschio al centro: il jolly roger. L’origine di questa locuzione è incerta, ma la teoria più diffusa vuole che derivi dal francese “jolie rouge”, le bandiere rosse francesi più temute di quelle nere americane in quanto il rosso significava morte certa. Successivamente, dopo la guerra di successione spagnola, anche molti corsari ispanici iniziarono ad utilizzare la bandiera rossa al posto di quella bianca. Altre teorie affermano che “Jolly Roger” possa derivare dal capo dei pirati asiatici Ali Raja, “Re del mare”, oppure dal termine inglese Roger che significa “vagabondo”.

Diverse sono anche le varianti della bandiera: Calico Jack Rackham usava due spade al posto delle ossa; Black Bart usava un uomo ed uno scheletro che reggono una spada ed una tazza mentre brindano alla morte oppure un uomo armato che schiaccia due teschi (avvertimento di morte per gli abitanti delle Barbados e di Martinica); Barbanera usava uno scheletro che reggeva una clessidra ed una spada.

All’atto pratico, sventolare una Jolly Roger significava intimidire il nemico e costringerlo alla resa senza nemmeno combattere, per poter catturare la nave intatta e con tutto il suo carico. Se l’avversario decideva di resistere all’abbordaggio, la Jolly Roger veniva abbassata e si issava la bandiera rossa, simbolo con cui i pirati dichiaravano che non avrebbero avuto nessuna pietà.

Successivamente, all’inizio del XIX secolo, la bandiera rossa era issata in caso di ammutinamento della ciurma o per dichiarare “non ci arrendermo mai”, mentre la Jolly Roger senza alcun simbolo era utilizzata come segnale di sfida contro le navi della marina che in quel periodo avevano massificato il loro intervento per contrastare la pirateria.

Nel 900 l’uso della Jolly Roger si diffuse soprattutto con i sommergibili che la utilizzavano per dimostrare il numero di vittorie ottenute; famoso è il caso dell’ammiraglio Max Kennedy Horton che innalzava una Jolly Roger per ogni nave avversaria affondata: furono così tante che riempì tutto il palo di bandiere nere e alla fine ne fece tessere una sola, molto grande, sulla quale venne cucito il numero di vittorie ottenute. Altri simboli accompagnavano il teschio sulle bandiere, uno per ogni tipo di nave affondata o per ogni missione completata.

Al giorno d’oggi, la Jolly Roger è il simbolo ufficiale del servizio sommergibilistico della marina britannica, anche se durante la seconda guerra mondiale i sommergibili di altre nazioni si fregiarono di questo simbolo, come ad esempio quelli polacchi.

In America la Jolly Roger è stata usata dall’aeronautica militare durante la seconda guerra mondiale, e gli squadroni che avevano questo nome lo utilizzarono fino al 1995, anno in cui l’ultimo squadrone, il VF-84, fu sciolto.

La presenza ai giorni del Jolly Roger è massiccia in ambito televisivo e cinematografico: basti pensare alla saga Pirati dei Caraibi, al manga One Piece, a Capitan Harlock, Capitan Uncino nel famosissimo cartone animato Peter Pan e tanti altri, che hanno mitizzato la figura del pirata, rendendolo sempre più fascinoso ed interessante.

Per quanto riguarda l’aspetto, il classico pirata è dipinto ed immaginato come un uomo abbronzato,  i contorni scuri intorno agli occhi e i capelli un po’ arruffati lasciati al naturale; i vestiti sono logori, pieni di toppe e di certo non saranno mai puliti e profumati. Il pirata nell’immaginario collettivo indossa sempre un cappello a tre punte o una bandana, una camicia bianca larga infilata nei pantaloni, le maniche quasi a sbuffo molto ampie, sbottonata e con volantes. I pantaloni sono quasi sempre in pelle, stretti e pieni di toppe o strappi; gli stivali alti fino al ginocchio, a punta e soprattutto logori.

I teschi e il fascino del pirata nell’abito da sposo

 

 

 

Il lavoro e l’impegno di Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, ha avuto come obiettivo quello creare un abito sposo trasformando la figura affascinante e controversa del pirata e adattandola ai giorni nostri, nel campo della cerimonia.

 

abito sposo

 

Dando uno sguardo alle collezioni, si può notare la presenza delle camicie in raso un po’ più larghe di quelle che siamo abituati a vedere nei negozi di grande distribuzione, con i volantes sui polsini e sull’abbottonatura o i ricami sul colletto che rimandano a quelle utilizzate dai pirati nel 700. Ma, più di tutti, gli abiti della collezione Emotion rispecchiano a pieno l’animo ribelle di un pirata.

 

 

Gli accessori che accompagnano questi abiti sono catene metalliche, borchie, collane con spade e teschi. Al posto del classico fiore all’occhiello possiamo trovare delle spille a forma di spada, fulmine o pendenti a teschio; le classiche catenine in cristallo presenti nelle altre collezioni qui si trasformano in catene di varie dimensioni; le giacche hanno rever con applicazioni metalliche e tessuti moderni; cinture in pelle con fibbie particolari ed uniche; ricami su fasche e camicie che fanno pensare ad un’epoca di grandi eroi.

 

abito sposo

 

L’ abito sposo di Ottavio Nuccio Gala, collezione Emotion, è adatto ad uno sposo che vuole trasgredire dalle classiche regole di etichetta, proprio come facevano i pirati di un tempo;

 

abito sposo

 

lo sposo Emotion vuole esagerare senza perdere l’impeccabile eleganza che contraddistingue il marchio, vuole farsi notare e non scendere a compromessi.

 

 

Chi indossa un abito della collezione Emotion non rinuncia alla propria personalità ribelle, non cambia nemmeno nel giorno più importante della sua vita; lo sposo Emotion è uno sposo originale, elegante ed unico che sa cosa vuole e, proprio come i veri pirati, se lo prende.

 

4

 

 

 

Dress code natalizio: abiti da cerimonia Black tie

Proposte di Mario Moreno Moyano per Natale

Mancano due mesi all’inizio del periodo natalizio e gli abiti da cerimonia uomo spopolano anche in questo periodo dell’anno, allontanandosi dal ristretto ambito del matrimonio. Un uomo non deve aspettare per forza il proprio matrimonio per essere impeccabilmente elegante, ma può distinguersi per stile e personalità anche in occasioni come il Natale, il cenone di Capodanno, un evento di gala ecc.

Durante il periodo invernale, oltre alle cerimonie invernali di cui abbiamo parlato poco tempo fa, si susseguono una grande serie di eventi più o meno formali che accompagnano le festività. Questi eventi possono essere organizzati in ambito aziendale, con amici e parenti oppure possono essere eventi di beneficenza e cocktail parties. Sempre più diffusa è la richiesta di un dress code formale…ma, a cosa corrisponde il dress code in questo genere di eventi?

Letteralmente “Dress code” significa “codice dell’abito”, cioè noi comunichiamo qualcosa scegliendo un determinato capo di abbigliamento rispetto ad un altro. Il concetto del Dress Code risale a tempi antichissimi, e sin da allora vestire in un certo modo significava appartenere ad uno specifico gruppo, ostentare ricchezza oppure pretendere rispetto. Dobbiamo ormai accettare il fatto che quando entriamo in determinati ambienti ci sono delle regole riguardo l’abbigliamento che ci vengono imposte e che sono universalmente riconosciute.

Categorie di abiti da cerimonia Black Tie

Tornando agli eventi oggetto di questo post, direi che sarebbe opportuno suddividerli in 4 categorie, tutte facenti parte del maxi gruppo Black Tie, ovvero un abbigliamento formale richiesto all’uomo in questo genere di serate:

– Black Tie Ultra-formal

– Black Tie Invited

– Black Tie Optional

– Black Tie Creative

Il Black Tie Ultra-formal corrisponde per l’uomo ad uno smoking o tuxedo dei più classici: giacca nera, rever sciallato nero in raso, pantalone nero con galloni laterali in raso, camicia diplomatica con pettorina plissé, scarpa in vernice nera rigorosamente con i lacci e papillon nero in raso di seta. Per la donna, questa categoria prevede un abito da cocktail mai più corto del ginocchio o un abito da sera lungo. La versione mattutina di questo genere di abiti da cerimonia uomo si chiama “Stroller” e prevede un cravattino nero al posto del papillon.

 

 

Il Black Tie Invited non si discosta poi molto dal primo Ultra Formal. La differenza sostanziale sta nel fatto che questo Dress Code non è imposto, bensì è solamente consigliato attenersi strettamente a queste regole di etichetta, e di solito nessuno osa infrangerle.

 

Abiti da cerimonia uomo

 

Il Black Tie Optional è di un gradino meno formale degli altri due, perché all’uomo è concesso evadere un po’ dal tipico classico smoking e alla donna è permesso di indossare un abito da cocktail spezzato. Per differenziarsi un po’ dal resto degli invitati, l’uomo in questo caso potrà indossare uno smoking più moderno che non preveda le bande in raso sul pantalone, un rever a lancia piuttosto che sciallato o una camicia diplomatica, ma senza plissé.

 

 

Per questi tre tipi di serate, Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, propone la sua collezione Black Tie, che ovviamente si addice benissimo alle situazioni prospettate sinora. Sono smoking classici, puri, perfetti nel loro genere, realizzati con tessuti pregiati; propongono degli accessori che si discostano un po’ dalla rigorosa etichetta, ma che donano ad ogni modo un look impeccabile ed estremamente elegante a chi li indossa.

Raffinate ed uniche sono anche le dinner jacket, giacche doppiopetto in shantung di seta, che solo un uomo elegante anche nell’animo saprebbe indossare alla perfezione.

 

Abiti da cerimonia uomo

 

Altre versioni più moderne ma pur sempre tradizionali sono gli smoking, tuxedo e dinner jacket in velluto o in tartan, per un uomo che vuole distinguersi da tutti e farsi notare per portamento, classe e stile.

 

Abiti da cerimonia uomo

 

 

 

 

 

 

 

L’ultima categoria, il Black Tie Creative, è ancora meno formale dei precedenti 3 gruppi e permette all’uomo di agire con più libertà e divertimento. Lo smoking o tuxedo, può essere reinterpretato non in chiave moderna, ma addirittura trendy, e gli accessori possono essere diversi dai classici fascia e papillon presentati finora. Anche la donna ha più libertà di scelta, e infatti a lei sono concessi abiti più corti o l’uso di pizzi.

 

Abiti da cerimonia uomo

 

Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, ha una soluzione anche per questo genere e propone degli smoking alternativi nella sua collezione Emotion. Sono smoking dai tessuti moderni e luminosi, gli accessori metallici d’ispirazione rock danno un tocco di originalità unica e i colori utilizzati rendono il look distinguibile tra tutti gli altri invitati.

 

 

Sono abiti con cristalli colorati, pendenti a forma di teschio, borchie e ricami, ma anche bellissimi abiti doppiopetto gessati che sono stati reinterpretati in chiave più giovanile ma che ad ogni modo non perdono il loro fascinoso tocco vintage.

 

Abiti da cerimonia uomo

 

Questi abiti possono essere utilizzati anche in un altro tipo di eventi, ossia le cene o i cocktail party aziendali, in cui tutto il personale si riunisce prima di dare il via alle ferie del periodo natalizio. In questo genere di eventi ciò che conta è la “rappresentanza”, quindi è quasi d’obbligo un completo scuro o gessato, meglio se sartoriale, monopetto o doppiopetto, camicia classica con polsino doppio per gemelli, fazzoletto anche colorato nel taschino. La donna, invece, può indossare il classico tailleur con camicia bianca, calze color carne e scarpe con tacco non troppo alto.

Il periodo natalizio è il più adatto per sfoggiare smoking, tuxedo e dinner jacket di pregiata fattura o per dare massima espressione e libertà al proprio estro rispettando sempre i canoni base che il Black Tie impone. Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, ha creato degli abiti da cerimonia uomo perfetti per ogni tipo di occasione, anche quelle del Natale.