Archivi categoria: Collezioni

Ottavio Nuccio Gala – Collezioni

Matrimonio barocco o gotico: principi per un giorno

Immaginate il vostro matrimonio barocco o gotico: un castello fiabesco sulla cima di una montagna, panorama mozzafiato, enormi saloni con tende di velluto rosso, mobili in legno scuro antico, una splendida orchestra che accompagna l’entrata della sposa e, infine, gli abiti principeschi indossati dalla coppia di sposi.

 

 

Le donne sin da bambine hanno sognato un matrimonio in questo stile animate dalle bellissime storie create da Walt Disney; trovate una donna che da piccola non abbia voluto essere Cenerentola, Biancaneve, la Bella Addormentata…è praticamente impossibile.

Tutte queste fiabe hanno in comune una cosa: l’amore tra una principessa ed un principe. In pochi hanno la fortuna di nascere in famiglie regali che celebrano matrimoni in questo stile, ma perchè non dare la possibilità ad ogni sposo e ad ogni sposa di vivere il giorno del Sì come fossero in una favola Disney?

 

Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, ha creato per gli sposi più estrosi la collezione Barocco: principi per un giorno. Le spose che scelgono un abito sontuoso per il loro matrimonio non potranno che adorare questa collezione, perchè completerà l’idea di favola e amore eterno che da sempre hanno sognato; gli uomini che hanno un’anima stravagante e la passione per la ricercatezza e la preziosità dei dettagli saranno entusiasti allo stesso modo.

 

 

 

Per vedere il video su Youtube clicca qui: Abiti da Sposo Barocco
 

Ovviamente lo stile Barocco o Gotico non è l’unico pensato per sentirsi un principe; qualunque abito Ottavio Nuccio Gala è talmente unico che sembra esser fatto apposta per coronare un sogno, ma la collezione di cui parleremo in questo post è sicuramente la più vicina all’idea comune di principe e lusso.

Sposarsi con un abito della collezione Barocco o Gotico significa creare un’atmosfera che esula completamente dall’idea di matrimonio classico. Non ci si può sposare con un abito di questo genere se la sposa ama le linee semplici: i matrimoni Barocco o Gotico hanno un preciso target per quanto riguarda gli abiti di entrambi gli sposi, le decorazioni, la chiesa e la sala ricevimenti.

 

Come già detto nell’incipit di questo articolo, un castello o una antica tenuta sono sicuramente i luoghi più consoni per celebrare un matrimonio in questo stile; chiese dall’architettura lineare e senza tante decorazioni sembrerebbero troppo spoglie: una chiesa gotica come il Duomo di Milano o barocca come la Chiesa del Gesù a Roma sono invece la scelta più azzeccata.

Per quanto riguarda i colori, potete dare spazio alla vostra immaginazione e andare incontro alle vostre preferenze; gli abiti Ottavio Nuccio Gala Barocco e Gotico sono realizzati in diversi colori proprio per accontentare ogni tipo di gusto.

Per lo sposo dall’anima gotica e misteriosa, gli abiti neri e grigio scuro con ricami sono i più indicati: la sposa può scegliere qualsiasi colore (compreso il nero per le più estrose) e la riuscita dell’atmosfera è assicurata.

 

 

Per una coppia da vera favola Disney, lo sposo può indossare gli abiti Barocco bianchi o blu, colori per eccellenza delle famiglie regali. Se lo sposo decide di indossare un abito bianco, dovrà assicurarsi che sia della stessa tonalità della sposa; la sposa potrà anche decidere di indossare un abito di un altro colore e invertire così i classici canoni del matrimonio; lo sposo che veste di blu, invece, si abbina perfettamente alla classica principessa vestita di bianco.

 

matrimonio barocco

 

 

Se l’uomo ha una personalità molto forte e decide di osare ancora di più, gli abiti Barocco e Gotico rossi, viola, oro e marroni saranno perfetti. La sposa avrà anch’essa un abito molto stravagante abbinato a quello del futuro marito e l’atmosfera sarà sicuramente unica ed originale.

 

matrimonio barocco

 

 

 

Non bisogna aver paura di strafare quando si opta per un matrimonio barocco o gotico: il lusso, l’opulenza, la sfarzosità e la preziosità dei dettagli sono già insiti nella concezione di questa parola. Se nulla sarà lasciato al caso, allora il giorno del vostro matrimonio sarà memorabile non solo per voi sposi, ma anche per ogni singolo invitato alla cerimonia.

Siamo coscienti del fatto che questa collezione può essere considerata unica in tutto il mondo e per questo è ora attivo l’e-commerce sul nostro sito ufficiale www.ottavionuccio.com, di modo che gli sposi di tutto il mondo possano essere in grado di apprezzare e di poter indossare un capo Barocco o Gotico per il loro matrimonio.

La procedura di acquisto è semplice e avrete in poco tempo l’abito Barocco o Gotico su misura che più amate. Sarebbe opportuno, a titolo informativo, richiedere il proprio abito circa 3 mesi prima della cerimonia, per essere certi che arrivi in tempo soprattutto se deve transitare da una dogana.

I capi di questa collezione sono realizzati di proposito su richiesta del cliente, personalizzati a suo piacimento e contraddistinti dal nome di ogni cliente stampato sull’etichetta presente all’interno della giacca.  Nonostante la procedura sia completamente online, il nostro ufficio commerciale non mancherà di trattarvi come qualsiasi cliente venuto a visitarci in negozio, dandovi la giusta attenzione e le fugando ogni dubbio.

Sappiamo che gli amanti di questo stile sono presenti in tutto il mondo, e che quindi questo servizio di compravendita in rete sarà apprezzato da quanti non potranno raggiungere un nostro punto vendita o un rivenditore autorizzato.

Sappiamo, inoltre, che questa collezione è talmente particolare che è stata spesso vittima di plagi e brutte copie da parte di molti concorrenti, ma per fortuna i clienti che si sono rivolti a noi hanno sempre apprezzato la qualità del vero Made in Italy esprimendolo con elogi e complimenti di cui andiamo ben fieri.

 

Il matrimonio Barocco o Gotico è un sogno che chiunque dovrebbe potersi permettere, e gli abiti di Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, hanno contribuito per molti di voi alla realizzazione di questo sogno.

 

Teschi: dai pirati del 700 all’ abito sposo moderno

L’ abito sposo moderno può prendere ispirazione da diversi campi e diverse epoche; oggi tratteremo l’origine del teschio, ampiamente presente nella collezione Emotion di Ottavio Nuccio Gala, ideata dalla nostra anima creativa Mario Moreno Moyano.

 

abito sposo

 

Quando si pensa al teschio la prima immagine che viene in mente è quella della classica bandiera dei pirati con fondo nero, due ossa incrociate e un teschio al centro: il jolly roger. L’origine di questa locuzione è incerta, ma la teoria più diffusa vuole che derivi dal francese “jolie rouge”, le bandiere rosse francesi più temute di quelle nere americane in quanto il rosso significava morte certa. Successivamente, dopo la guerra di successione spagnola, anche molti corsari ispanici iniziarono ad utilizzare la bandiera rossa al posto di quella bianca. Altre teorie affermano che “Jolly Roger” possa derivare dal capo dei pirati asiatici Ali Raja, “Re del mare”, oppure dal termine inglese Roger che significa “vagabondo”.

Diverse sono anche le varianti della bandiera: Calico Jack Rackham usava due spade al posto delle ossa; Black Bart usava un uomo ed uno scheletro che reggono una spada ed una tazza mentre brindano alla morte oppure un uomo armato che schiaccia due teschi (avvertimento di morte per gli abitanti delle Barbados e di Martinica); Barbanera usava uno scheletro che reggeva una clessidra ed una spada.

All’atto pratico, sventolare una Jolly Roger significava intimidire il nemico e costringerlo alla resa senza nemmeno combattere, per poter catturare la nave intatta e con tutto il suo carico. Se l’avversario decideva di resistere all’abbordaggio, la Jolly Roger veniva abbassata e si issava la bandiera rossa, simbolo con cui i pirati dichiaravano che non avrebbero avuto nessuna pietà.

Successivamente, all’inizio del XIX secolo, la bandiera rossa era issata in caso di ammutinamento della ciurma o per dichiarare “non ci arrendermo mai”, mentre la Jolly Roger senza alcun simbolo era utilizzata come segnale di sfida contro le navi della marina che in quel periodo avevano massificato il loro intervento per contrastare la pirateria.

Nel 900 l’uso della Jolly Roger si diffuse soprattutto con i sommergibili che la utilizzavano per dimostrare il numero di vittorie ottenute; famoso è il caso dell’ammiraglio Max Kennedy Horton che innalzava una Jolly Roger per ogni nave avversaria affondata: furono così tante che riempì tutto il palo di bandiere nere e alla fine ne fece tessere una sola, molto grande, sulla quale venne cucito il numero di vittorie ottenute. Altri simboli accompagnavano il teschio sulle bandiere, uno per ogni tipo di nave affondata o per ogni missione completata.

Al giorno d’oggi, la Jolly Roger è il simbolo ufficiale del servizio sommergibilistico della marina britannica, anche se durante la seconda guerra mondiale i sommergibili di altre nazioni si fregiarono di questo simbolo, come ad esempio quelli polacchi.

In America la Jolly Roger è stata usata dall’aeronautica militare durante la seconda guerra mondiale, e gli squadroni che avevano questo nome lo utilizzarono fino al 1995, anno in cui l’ultimo squadrone, il VF-84, fu sciolto.

La presenza ai giorni del Jolly Roger è massiccia in ambito televisivo e cinematografico: basti pensare alla saga Pirati dei Caraibi, al manga One Piece, a Capitan Harlock, Capitan Uncino nel famosissimo cartone animato Peter Pan e tanti altri, che hanno mitizzato la figura del pirata, rendendolo sempre più fascinoso ed interessante.

Per quanto riguarda l’aspetto, il classico pirata è dipinto ed immaginato come un uomo abbronzato,  i contorni scuri intorno agli occhi e i capelli un po’ arruffati lasciati al naturale; i vestiti sono logori, pieni di toppe e di certo non saranno mai puliti e profumati. Il pirata nell’immaginario collettivo indossa sempre un cappello a tre punte o una bandana, una camicia bianca larga infilata nei pantaloni, le maniche quasi a sbuffo molto ampie, sbottonata e con volantes. I pantaloni sono quasi sempre in pelle, stretti e pieni di toppe o strappi; gli stivali alti fino al ginocchio, a punta e soprattutto logori.

I teschi e il fascino del pirata nell’abito da sposo

 

 

 

Il lavoro e l’impegno di Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, ha avuto come obiettivo quello creare un abito sposo trasformando la figura affascinante e controversa del pirata e adattandola ai giorni nostri, nel campo della cerimonia.

 

abito sposo

 

Dando uno sguardo alle collezioni, si può notare la presenza delle camicie in raso un po’ più larghe di quelle che siamo abituati a vedere nei negozi di grande distribuzione, con i volantes sui polsini e sull’abbottonatura o i ricami sul colletto che rimandano a quelle utilizzate dai pirati nel 700. Ma, più di tutti, gli abiti della collezione Emotion rispecchiano a pieno l’animo ribelle di un pirata.

 

 

Gli accessori che accompagnano questi abiti sono catene metalliche, borchie, collane con spade e teschi. Al posto del classico fiore all’occhiello possiamo trovare delle spille a forma di spada, fulmine o pendenti a teschio; le classiche catenine in cristallo presenti nelle altre collezioni qui si trasformano in catene di varie dimensioni; le giacche hanno rever con applicazioni metalliche e tessuti moderni; cinture in pelle con fibbie particolari ed uniche; ricami su fasche e camicie che fanno pensare ad un’epoca di grandi eroi.

 

abito sposo

 

L’ abito sposo di Ottavio Nuccio Gala, collezione Emotion, è adatto ad uno sposo che vuole trasgredire dalle classiche regole di etichetta, proprio come facevano i pirati di un tempo;

 

abito sposo

 

lo sposo Emotion vuole esagerare senza perdere l’impeccabile eleganza che contraddistingue il marchio, vuole farsi notare e non scendere a compromessi.

 

 

Chi indossa un abito della collezione Emotion non rinuncia alla propria personalità ribelle, non cambia nemmeno nel giorno più importante della sua vita; lo sposo Emotion è uno sposo originale, elegante ed unico che sa cosa vuole e, proprio come i veri pirati, se lo prende.

 

4

 

 

 

Dress code natalizio: abiti da cerimonia Black tie

Proposte di Mario Moreno Moyano per Natale

Mancano due mesi all’inizio del periodo natalizio e gli abiti da cerimonia uomo spopolano anche in questo periodo dell’anno, allontanandosi dal ristretto ambito del matrimonio. Un uomo non deve aspettare per forza il proprio matrimonio per essere impeccabilmente elegante, ma può distinguersi per stile e personalità anche in occasioni come il Natale, il cenone di Capodanno, un evento di gala ecc.

Durante il periodo invernale, oltre alle cerimonie invernali di cui abbiamo parlato poco tempo fa, si susseguono una grande serie di eventi più o meno formali che accompagnano le festività. Questi eventi possono essere organizzati in ambito aziendale, con amici e parenti oppure possono essere eventi di beneficenza e cocktail parties. Sempre più diffusa è la richiesta di un dress code formale…ma, a cosa corrisponde il dress code in questo genere di eventi?

Letteralmente “Dress code” significa “codice dell’abito”, cioè noi comunichiamo qualcosa scegliendo un determinato capo di abbigliamento rispetto ad un altro. Il concetto del Dress Code risale a tempi antichissimi, e sin da allora vestire in un certo modo significava appartenere ad uno specifico gruppo, ostentare ricchezza oppure pretendere rispetto. Dobbiamo ormai accettare il fatto che quando entriamo in determinati ambienti ci sono delle regole riguardo l’abbigliamento che ci vengono imposte e che sono universalmente riconosciute.

Categorie di abiti da cerimonia Black Tie

Tornando agli eventi oggetto di questo post, direi che sarebbe opportuno suddividerli in 4 categorie, tutte facenti parte del maxi gruppo Black Tie, ovvero un abbigliamento formale richiesto all’uomo in questo genere di serate:

– Black Tie Ultra-formal

– Black Tie Invited

– Black Tie Optional

– Black Tie Creative

Il Black Tie Ultra-formal corrisponde per l’uomo ad uno smoking o tuxedo dei più classici: giacca nera, rever sciallato nero in raso, pantalone nero con galloni laterali in raso, camicia diplomatica con pettorina plissé, scarpa in vernice nera rigorosamente con i lacci e papillon nero in raso di seta. Per la donna, questa categoria prevede un abito da cocktail mai più corto del ginocchio o un abito da sera lungo. La versione mattutina di questo genere di abiti da cerimonia uomo si chiama “Stroller” e prevede un cravattino nero al posto del papillon.

 

 

Il Black Tie Invited non si discosta poi molto dal primo Ultra Formal. La differenza sostanziale sta nel fatto che questo Dress Code non è imposto, bensì è solamente consigliato attenersi strettamente a queste regole di etichetta, e di solito nessuno osa infrangerle.

 

Abiti da cerimonia uomo

 

Il Black Tie Optional è di un gradino meno formale degli altri due, perché all’uomo è concesso evadere un po’ dal tipico classico smoking e alla donna è permesso di indossare un abito da cocktail spezzato. Per differenziarsi un po’ dal resto degli invitati, l’uomo in questo caso potrà indossare uno smoking più moderno che non preveda le bande in raso sul pantalone, un rever a lancia piuttosto che sciallato o una camicia diplomatica, ma senza plissé.

 

 

Per questi tre tipi di serate, Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, propone la sua collezione Black Tie, che ovviamente si addice benissimo alle situazioni prospettate sinora. Sono smoking classici, puri, perfetti nel loro genere, realizzati con tessuti pregiati; propongono degli accessori che si discostano un po’ dalla rigorosa etichetta, ma che donano ad ogni modo un look impeccabile ed estremamente elegante a chi li indossa.

Raffinate ed uniche sono anche le dinner jacket, giacche doppiopetto in shantung di seta, che solo un uomo elegante anche nell’animo saprebbe indossare alla perfezione.

 

Abiti da cerimonia uomo

 

Altre versioni più moderne ma pur sempre tradizionali sono gli smoking, tuxedo e dinner jacket in velluto o in tartan, per un uomo che vuole distinguersi da tutti e farsi notare per portamento, classe e stile.

 

Abiti da cerimonia uomo

 

 

 

 

 

 

 

L’ultima categoria, il Black Tie Creative, è ancora meno formale dei precedenti 3 gruppi e permette all’uomo di agire con più libertà e divertimento. Lo smoking o tuxedo, può essere reinterpretato non in chiave moderna, ma addirittura trendy, e gli accessori possono essere diversi dai classici fascia e papillon presentati finora. Anche la donna ha più libertà di scelta, e infatti a lei sono concessi abiti più corti o l’uso di pizzi.

 

Abiti da cerimonia uomo

 

Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, ha una soluzione anche per questo genere e propone degli smoking alternativi nella sua collezione Emotion. Sono smoking dai tessuti moderni e luminosi, gli accessori metallici d’ispirazione rock danno un tocco di originalità unica e i colori utilizzati rendono il look distinguibile tra tutti gli altri invitati.

 

 

Sono abiti con cristalli colorati, pendenti a forma di teschio, borchie e ricami, ma anche bellissimi abiti doppiopetto gessati che sono stati reinterpretati in chiave più giovanile ma che ad ogni modo non perdono il loro fascinoso tocco vintage.

 

Abiti da cerimonia uomo

 

Questi abiti possono essere utilizzati anche in un altro tipo di eventi, ossia le cene o i cocktail party aziendali, in cui tutto il personale si riunisce prima di dare il via alle ferie del periodo natalizio. In questo genere di eventi ciò che conta è la “rappresentanza”, quindi è quasi d’obbligo un completo scuro o gessato, meglio se sartoriale, monopetto o doppiopetto, camicia classica con polsino doppio per gemelli, fazzoletto anche colorato nel taschino. La donna, invece, può indossare il classico tailleur con camicia bianca, calze color carne e scarpe con tacco non troppo alto.

Il periodo natalizio è il più adatto per sfoggiare smoking, tuxedo e dinner jacket di pregiata fattura o per dare massima espressione e libertà al proprio estro rispettando sempre i canoni base che il Black Tie impone. Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, ha creato degli abiti da cerimonia uomo perfetti per ogni tipo di occasione, anche quelle del Natale.

 

 

Abiti da sposo uomo invernali: glamour e lusso

Con l’arrivo dell’autunno cambia anche il panorama degli abiti da sposo uomo: i tessuti leggeri che si usano in estate, come il lino o il cotone, perdono il loro primato per lasciare spazio ai tessuti più adatti per l’autunno/inverno. I matrimoni invernali sono sicuramente meno diffusi di quelli primaverili o estivi, ma in quanto ad eleganza, lusso e glamour rimarranno per sempre insuperabili.

 

 

Sposarsi in autunno o in inverno richiede una attenzione maggiore ai dettagli. Ad esempio, la sala ricevimenti sarà sicuramente al chiuso e quindi non si potrà fare affidamento su un bel panorama ma bisognerà adattare la sala alle esigenze degli sposi; la cerimonia dovrà essere celebrata per forza all’interno di una chiesa, perdendo l’effetto suggestivo che, ad esempio, può avere una cerimonia celebrata sulla spiaggia; per quanto riguarda gli abiti, gli sposi dovranno probabilmente cercare degli accessori adatti alla stagione, come ad esempio un cappotto, dei guanti o un ombrello elegante in caso di pioggia.

 

 

Non esistono stagioni ideali per i matrimoni, ognuna ha le sue peculiarità e, per quanto riguarda i matrimoni invernali, essi sono caratterizzati dal glamour e dal lusso che ogni invitato può addurre. Questo perchè l’abito più diffuso in queste stagioni è lo smoking, e se il matrimonio è celebrato di sera e gli invitati indossano tutti uno smoking, l’atmosfera sarà quella di un meraviglioso party glamour come quelli dell’alta società.

 

Abiti da sposo uomo

 

Come già abbondantemente discusso, lo smoking ormai è ritenuto parte integrante delle cerimonie, indossabile sia dallo sposo che dagli invitati. Ci sono molte varietà di smoking e Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, le ha sviluppate tutte nella collezione Black Tie per poter offrire ai propri clienti una vasta gamma di possibilità tra cui scegliere.

 

 

Innanzitutto, lo smoking per gli abiti da sposo uomo può essere con il classico collo sciallato a contrasto in raso nero o con collo a lancia, in raso o dello stesso tessuto dell’abito. Inoltre, la giacca varierà tra il classico modello a un bottone foderato o la giacca doppiopetto, elegantissima e che rimanda ad epoche di veri gentlemen. Il gilet può esserci o meno, dipende se lo sposo decide di indossarlo o di scegliere la fascia: qualora decidesse di indossare il gilet, esso potrà essere il classico 5 bottoni oppure anch’esso con scollatura ampia e la possibilità di collo sciallato.

Se lo sposo decide di indossare la fascia col papillon, potrà essere dello stesso tessuto dell’abito oppure fantasia, dipende solo dalla personalità dello sposo. Il pantalone dello smoking è quasi sempre nero, anche quando la giacca è colorata: il modello classico per eccellenza prevede le bande laterali in raso nero, ma oramai è diffuso anche un modello meno impegnativo liscio. Per quanto riguarda le scarpe, la scelta è più vasta: allacciata in vernice nera, allacciata bicolore, slipper in velluto, slipper in vernice.

L’accessorio per eccellenza che caratterizza uno sposo in smoking è la camicia: cotone doppio ritorto, pettorina plissè o piquè, abbottonatura coperta o scoperta, doppio polso per gemelli e collo diplomatico o francese. Le camicie adatte agli smoking sono estremamente eleganti e non utilizzabili per altri tipi di abito.

Queste sono caratteristiche generali che inquadrano lo smoking, ma in questo post ci soffermeremo maggiormente su un tessuto adatto allo smoking, e più precisamente agli smoking utilizzati d’inverno.

Abiti da sposo uomo in tartan: Royal Stewart e Black Watch

Con l’arrivo del Natale l’atmosfera è sempre magica, e il tartan è un tessuto che perfettamente si abbina ai colori del Natale. Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, utilizza due tipi di tartan diversi per i suoi smoking, entrambi molto eleganti: il tartan “Royal Stewart” e quello “Black Watch”. La storia di questi due tipi di tessuto è interessante, ed è bene conoscerla.

 

Abiti da sposo uomo

 

Il tartan Royal Stewart, quello dalla base rossa per intenderci, è il tartan personale della famiglia reale degli Stewart e della regina Elisabetta II. Tutti i sudditi della regina devono indossare il tartan, ma è anche simbolo dei Royal Scots Dragoon Guards, delle famose Guardie Scozzesi, delle bande della regina ecc. Alla fine degli anni ’70 questo tipo di tartan è diventato popolare nella moda punk ma, un decennio prima, fu reso popolare dal pilota automobilistico di formula 1 Jackie Stewart perchè indossava sempre una fascia di tartan sul suo casco durante le gare.

Il secondo tipo di tartan, il Black Watch, è quello con fondo blu e non è utilizzato dalla famiglia reale, bensì è il tartan più diffuso in campo militare. Questo tipo di tartan è conosciuto anche con altri nomi: Government sett, Hunting Munro e Hunting Grant. Moltissimi clan militari indossano questo tipo di tartan perchè discendono tutti dal primo reggimento Black Watch che ha dato il nome a questo tessuto. La disputa è su quale tra i Black Watch e i Campbells abbiano usato per primi questo tessuto, ma la vittoria è stata accreditata ai Black Watch.

Ad ogni modo, questi due tipi di tartan sono utilizzati in cerimonie soprattutto natalizie molto eleganti: matrimoni, cene di gala, red carpet, cocktail parties. Sono abiti molto suggestivi che ben si adattano a scenari innevati, natalizi e festosi.

 

Abiti da sposo uomo

 

Gli abiti da sposo uomo per le cerimonie invernali non sono utilizzabili per altri periodi dell’anno o altri tipi di cerimonie: il dress code di un evento di gala è molto specifico e rigoroso. Tante sono le regole da rispettare per chi vuole indossare uno smoking nel giorno del suo matrimonio ma, se rispettate tutte a dovere, il risultato sarà sicuramente impeccabile e l’atmosfera generale sarà elegante e lussuosa.

Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, presenta la collezione Black Tie 2015: un tripudio di eleganza estrema, per buoni intenditori della moda uomo formale.

 

Lo smoking è tra gli abiti da sposo uomo?

Lo smoking può essere inserito nella categoria degli abiti da sposo uomo? Questa è una questione sulla quale si è molto dibattuto, le opinioni contrastano, e spesso anche con rigidità. Mario Moreno Moyano, l’anima creativa di Ottavio Nuccio Gala,  ritiene che lo smoking sia uno dei modelli di abito formale da uomo tra i più eleganti mai esistiti, e che sia decisamente appropriato per uno sposo, ma solo se la cerimonia è celebrata nel pomeriggio.

Così come il tight è l’abito per eccellenza delle cerimonie mattutine, il frac è l’abito per eccellenza per le cerimonie serali. Lo sposo che non vuole indossare un tight, ma che cerca ad ogni costo un abito che lo ricordi, sceglie di vestire un mezzo tight. Lo sposo che non vuole indossare un frac perchè crede sia esageratamente formale per il suo modo di essere, cosa dovrebbe indossare nel giorno del suo matrimonio, se non uno smoking?

Ottavio Nuccio Gala è una azienda specializzata nella cerimonia uomo e Mario Moreno Moyano, l’anima creativa del marchio, mai avrebbe creato una collezione fatta prettamente di smoking, la collezione Black Tie, se questo tipo di abito non fosse stato adatto agli sposi.

 

Abiti da sposo uomo

 

Lo smoking, così come il tight, deriva dalla cultura britannica ed era utilizzato dai gentlemen del XIX secolo come giacca serale per cenare (anche chiamata dinner jacket), o per fumare (“fumare” in inglese si dice, appunto, “smoke”). Altra versione di questa giacca era la classica vestaglia indossata dagli aristocratici, spesso in velluto con revers a contrasto e passamaneria al posto del bottone foderato, che faceva sembrare ancora più importante e facoltoso chiunque la indossasse.

Lo smoking può essere di 3 tipi: con rever sciallato, con rever a lancia e doppiopetto. Non c’è una gerarchia in termini di eleganza, tutti e 3 sono alla pari: l’unica cosa che conta è il gusto del cliente e la sua personalità.

 

 

I rever dello smoking sono sempre a contrasto, in satin di seta o in raso, e a contrasto saranno anche il cinturino del pantalone (senza passanti) e le bande laterali, anche se non sono sempre presenti.

La camicia di uno smoking può essere in cotone “doppio ritorto” con pettorina piquè o plissè, polsino doppio per gemelli estraibili e il collo a scelta tra quello diplomatico e quello francese.

Il papillon è l’accessorio più adeguato per uno smoking, ed è preferibile che sia da annodare perchè risulta più vaporoso e non piatto come un papillon già annodato; inoltre, chi ha un po’ di esperienza in questo campo, riconosce a prima vista un papillon annodato manualmente, ed è sicuramente simbolo di eleganza e savoir faire.

Altro accessorio che può essere indossato con una giacca smoking è il gilet, ma solo se sciallato, doppiopetto o con una scollatura molto ampia. Un esempio di estrema eleganza e stravaganza può essere una giacca non nera, gilet e pantalone in pied-poule, camicia diplomatica e papillon nero.

 

Abiti da sposo uomo

 

Sono presenti smoking di vari tessuti e colori, e tutti possono essere catalogati come abiti da sposo uomo. Chi vuole indossare lo smoking classico opterà per un nero assoluto, con fascia e papillon neri, gallone laterale in raso sul pantalone, camicia diplomatica con pettorina plissettata e scarpa modello francesina in vernice nera.

Per tutti gli altri sposi che vogliono evadere dai canoni classici, ci sono diversi gradi di personalizzazione del look. Ad esempio, si può mantenere l’abito nero con camicia diplomatica, ma indossare papillon e fascia colorati; altra variante è quella che prevede pantalone nero e giacca blu, bianca o rossa con rever nero a contrasto; e ancora: giacca e pantalone in velluto di diversi colori ecc.
Abiti da sposo uomo

 

Questi sono solo alcuni esempi di varianti dello smoking che danno un tocco di personalità e di vivacità all’abito, ma che rispettano sempre alla perfezione i canoni stabiliti dal dress code formale.

Lo smoking tra gli abiti da sposo uomo più in voga per i VIP

La cosa più importante da ribadire è che lo smoking è diventato ormai parte integrante del mondo della cerimonia uomo, non sono per gli invitati ma anche per lo sposo. Fino a qualche anno fa era visto solo come abito adatto al red carpet, per le cerimonie di gala, per premiazioni importanti o cocktail party.

Oggi il trend delle nozze in smoking sta diventando sempre più grande, e anche tanti personaggi famosi scelgono lo smoking per il loro matrimonio. In smoking si è sposato l’attore Adam Shulman, marito della nota Anne Hathaway; ha scelto questo tipo di abito anche il cantante Michael Bublè, così come lo ha scelto il principe William nel suo cambio di abito per il ricevimento serale quando ha preso in sposa la bellissima Kate Middleton; anche i nobili italiani scelgono lo smoking: un esempio è stato il matrimonio tra Ludovica del Secco e Gianalberto Scarpa Bastieri.

Ci sono tantissimi altri esempi di sposi che hanno scelto lo smoking, ma questi 4 esempi ci fanno capire che far indossare allo sposo questo tipo di abito è una opinione ormai condivisa da tante categorie di persone: cantanti, attori, nobili e persino dalle famiglie reali.

In molti pensano che indossare uno smoking per il proprio ricevimento non sia la scelta giusta perchè si rischia di somigliare troppo ai camerieri presenti in sala. Con tutto il rispetto per chi fa quel mestiere, ma la qualità di uno smoking per uno sposo e gli accessori scelti non potranno mai essere scambiati con quelli di una divisa da cameriere, è una cosa che si nota a primo impatto.

Chi indossa uno smoking fa trasparire una buona conoscenza delle regole di etichetta per l’abbigliamento formale da uomo, in quanto è uno degli abiti con più “restrizioni” in assoluto. Chi ammette lo smoking tra gli abiti da sposo uomo è un uomo molto elegante che sa darsi importanza e che risulterà perfetto nel giorno più importante della sua vita.

Mario Moreno Moyano, l’anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, nella sua nuova collezione 2015 che sarà presente al più presto sul web e nei negozi, ripropone lo smoking come capo di punta per la cerimonia, in versione classica ma anche in versioni alternative, con colori, fantasie e modelli diversi per soddisfare ogni immaginario possibile.