Analisi del mercato degli abiti da cerimonia uomo

Mario Moreno Moyano, l’anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, pensa che il mercato degli abiti da cerimonia uomo è cambiato molto negli ultimi 20 anni. Il principale cambiamento è dovuto al fatto che il settore del tessile si sta industrializzando sempre di più, lasciando poco spazio all’originalità e alla creatività.

Quello che prima era un mercato di nicchia in cui si potevano far valere le eccellenze mondiali, soprattutto quelle del “Made in Italy”, oggi sta diventando un settore di produzione di massa esattamente come gli altri; al pari degli altri settori ha anche l’ingente quantità di abiti di importazione che oggigiorno sono presenti sul mercato.

Purtroppo molta gente non conosce il protocollo nuziale e quindi crede in quello che il marketing propone con più frequenza, pensando sia il look giusto, o addirittura l’unico look possibile, cha vada bene per uno sposo.

Quasi l’80% dei marchi specializzati nella cerimonia uomo presentano un prodotto estremamente standardizzato, con poche varianti di colore e quasi nessuna variante di tessuto. Proprio in questo peccano i marchi presi in analisi: la qualità del tessuto in primis, oltre che alla scarsa originalità e al conformismo.

I tessuti prevalentemente in commercio sono quasi del tutto sintetici, pesanti e ricchi di elettricità statica. Sono abiti realizzati in fibre di poliestere e acetati al 100% che, durante il giorno della cerimonia, risulteranno scomodi e troppo caldi, con un conseguente livello di stress più alto per lo sposo che non vedrà l’ora di toglierselo di dosso.

Questi tessuti sono per la maggior parte delle volte molto lucidi, danno quella specie di effetto bagnato che poco ha a che fare con l’eleganza e lo stile che dovrebbe avere uno sposo. Inoltre, la presentazione generale non è delle più creative in quanto si tratta di abiti 4 pezzi tutti uguali (giacca, pantalone, gilet e cravattone), dello stesso colore e tessuto.

Gli abiti 3 pezzi sono da sempre esistiti e sono molto eleganti, se realizzati con tessuti adeguati, ma il vero “Made in Italy” non ha mai contemplato l’idea di un accessorio dello stesso tessuto dell’abito, per di più proponendo quasi sempre lo stesso tipo di accessorio: il cravattone.

 

 

Gli accessori più belli sono quelli a contrasto realizzati in seta jacquard magari, o comunque in tessuti molto leggeri per non farli sembrare come fossero di cartone. Eccellenza in questo tipo di abbinamenti e nell’utilizzo di tessuti pregiati è l’azienda Ottavio Nuccio Gala, che ha saputo realizzare 5 collezioni diverse, e mai nessuna che somigliasse anche di poco alle altre.

 

Abiti da cerimonia uomo

 

Abbinare 4 pezzi tono su tono è estremamente facile, ma l’immagine dello sposo che ormai si ha da tantissimi anni è sempre la stessa, ed è impensabile pensare che a distanza di qualche generazione gli abiti potrebbero tranquillamente essere riutilizzati, perché sono uguali.

La gente che non ha la possibilità di informarsi o di riuscire a vedere molte proposte, pensa che sia quello l’unico modo in cui uno sposo debba andare vestito, e quindi non si pone nemmeno il problema di cercare dell’altro. Ecco quindi il perché di una scena così omogenea nel campo degli abiti da cerimonia uomo.

Gli abiti da cerimonia uomo nel mercato mondiale

I prezzi presenti sul mercato sono eccessivamente squilibrati: un total look di importazione “low cost” costa al pubblico massimo 500 € (considerando un ricarico per il negoziante notevole, visto che i prezzi di produzione arrivano anche solo a 50 €), mentre per un total look “Made in Italy” bisogna spendere circa il doppio.

La competizione è lecita, ma in quanti sanno che quegli abiti così economici sono prodotti in serie in paesi che non rispettano le norme igieniche basilari o i diritti umani? La crisi deriva anche da questo: paesi con miliardi di abitanti sfruttati anche più di 12 ore al giorno per produrre abiti tutti uguali di infima qualità.

Il problema in Italia e l’Europa si riscontra nella scelta da parte dei produttori di accettare questo compromesso e di vendere nei propri punti vendita solo abiti di importazione, non comprando più marchi “Made in Italy”; il tutto ovviamente per aumentare i guadagni, ma diminuendo la qualità del servizio e accentuando la crisi di aziende del proprio Paese.

Non si può entrare in un negozio Ottavio Nuccio Gala e pretendere un confronto con un abito di importazione “low cost”, perché bisogna saper riconoscere la vera eccellenza del “Made in Italy”, bisogna sapere la differenza (e toccarla con mano) tra un poliestere e un fresco-lana, tra la viscosa e una seta jacquard.

I tessuti presenti negli showroom Ottavio Nuccio Gala sono d’eccellenza, e non solo i tessuti variano, ma anche i modelli: tight, redingote, smoking, frac, spolverini…una scelta ampia per venire incontro ad ogni tipo di gusto e personalità.

 

Abiti da cerimonia uomo

 

Dopo aver scelto un abito realizzato in un tessuto fresco e traspirante, adatto anche a cerimonie estive, si ha una vasta gamma di accessori tra cui scegliere.

 

 

Lo sposo non deve per forza indossare un cravattone dello stesso tessuto dell’abito con una chiusura a clip e un ferma nodo cucito al centro. Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, propone diverse soluzioni, a seconda del tipo di abiti da cerimonia uomo o della personalità dello sposo: cravatta, ascot, papillon, foulard, plastron ecc, tutti realizzati in tessuti d’eccellenza e colori a contrasto.

 

Abiti da cerimonia uomo

 

Un prodotto di eccellenza nasce già sapendo di non poter avere la visibilità di un prodotto di grande distribuzione, ma questo non significa che debba essere bistrattato e considerato improprio, quando invece dovrebbe essere il contrario. Il “Made in Italy” è da sempre simbolo di eccellenza, e deve continuare ad essere riconosciuta come tale.

Ottavio Nuccio Gala è una azienda con dei valori ai quali non rinuncia da ormai 20 anni, che continua nella campagna promozionale del “Made in Italy” alla ricerca di quella nicchia di clienti che sappiano ancora apprezzare il gusto di un abito confezionato alla perfezione, o su misura. E’ una azienda che va incontro agli sposi con un gusto deciso e che non si accontentano mai.

Per Mario Moreno Moyano, anima creativa di Ottavio Nuccio Gala, l’obiettivo principale non è vendere quantità ingenti di abiti di bassa qualità, ma sapere che ogni suo cliente è rimasto pienamente soddisfatto della sua scelta.

Mario Moreno Moyano (1)

 

Questo post è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Captha *